Finalità del presente decreto è quella di finanziare progetti presentati dai CPIA (unità amministrativa) e dalle istituzioni scolastiche di secondo grado dove sono incardinati i percorsi di secondo livello (CPIA unita didattica) operanti nelle strutture carcerarie con l'obiettivo prioritario di rispondere, nell'ottica delineata dal contesto culturale e normativo europeo e nazionale, ai fabbisogni formativi delle persone ristrette e per i quali risulta necessario, come previsto dal DI 12 marzo 2015, apportare i necessari adattamenti organizzativi e didattici ai percorsi di istruzione di primo e di secondo livello in modo da contribuire al conseguimento di titoli conclusivi dei diversi gradi di istruzione, di favorire l'accoglienza e la valorizzazione delle esperienze e competenze possedute attraverso strumenti didattico-educativi e iniziative di sensibilizzazione degli studenti basate, per quanto possibile, anche sull'utilizzo delle tecnologie digitali.